Look&Smile

Wednesday, September 27, 2006

Le mille Paccate della mitica e unica Fede

26/09/06
ore 21:30


fede: vale!!!!!però domani sera usciamo eh!
io voglio andare a ballare

vale: domani lavoro fino a tardi, ti faccio sapere in giornata...

fede : si però non dire che non ci vediamo mai poi!

27/09/06
14:25

fede: vale tu stasera vuoi uscire o no?risp

vale: ti ho detto ke ti faccio sapere

20:30

vale: guarda ho finito adesso, se vuoi ci vediamo per le dieci

Nel frattempo la fede aveva già messaggiato con me (cla)

16:00

fede: claudia mi dospiace ma stasera non esco perchè sto male

cla: non risponde

18:30

fede: ma alla fine uscite voi?

cla: non risponde

20:00

fede: vabbè esco!

cla: non risponde

ore 20:30 Fede chiama Vale

Fede: ma hai finito adesso di lavorare?sai...no ti spiego...ho detto a tua sorella che stasera stavo male però ora mi sento un pò meglio...non è che si arrabbia...

Vale annuisce

allora si propone di andare a bere qualcosa (21:45:30)

tutti d'accordo ma alle 21:45:35
la fede chiama e...

Fede: sto male...rimango a casa....ultimamente sto lavorando tanto...

fede questa non è la prima volta!!!

Muore volando dal balcone. Colpa dei semi "legali"

Lo studente aveva acquistato in uno smart-shop (che vende stimolanti) i semi essiccati dell’ipomea Violacea (o Argyreia Nervosa), una pianta comune di arredamento che ha fiori viola.
I semi contengono acido lisergico e, se masticati sei-sette per volta, per qualche ora, producono effetti allucinogeni per la presenza di Lsa, una droga che ha un effetto meno potente ma analogo a quello dell’Lsd.
Le istruzioni su come ottenere l’effetto “sballo” che l’ha ucciso -secondo l’accusa- erano state date al giovane dal titolare dello smart-shop, Sandro Barbieri, 42enne di Torino.
L’uomo è stato fermato ieri dalla squadra mobile di Bari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per morte come conseguenza di altro delitto.
Infatti se la vendita dell’ ammide dell’acido lisergico (Lsa) è vietata dalla legge, i semi essiccati della pianta sono invece in libera vendita.
Per questo la magistratura barese ha ordinato subito il sequestro dei semi dell’Ipomea Violacea in tutta Italia.
(Ansa)

Sunday, September 24, 2006

Questa è bella!!!



National Zitella: il Fitzwilliamii domesticus

Benvenuti alla nostra nuova periodica rubrica scientifica: il National Zitella.
In questa seria parentesi biologica/etologica, cercheremo di farvi conoscere specie rare, spesso in via d'estinzione, ma che hanno il notevole pregio di poter suscitare un forte ed immediato interesse da parte delle notoriamente coriacee zitelle dentro.
Solo per questo vale la pena di studiarle! Fitzwilliamii domesticus Pensi alle zitelle e pensi al gatto.
Ma nonostante il gatto (Felix domesticus) occupi nell’immaginario collettivo il ruolo di animale totemico delle singole per scelta (di qualcun altro), esiste un compagno che più del gatto (si avete capito bene: più del gatto) risponde a pieno alle necessità della vera zitella.
Ovviamente è rarissimo, leggendario secondo alcuni, e per questa ragione il gatto ha avuto così larga diffusione.
Si tratta del Fitzwilliamii domesticus, comunemente noto come il Darcy.
Dopo anni di ricerche eccoci pronte a descriverlo da brave naturaliste in base all’olotipo fornitoci dalla cara Jane Austen.
Il Darcy è il compagno perfetto per una zitella, ma perfetto davvero.
Deve ancora venire al mondo colei che letto Orgoglio e Pregiudizio non sbavi pensando a Fitzwilliam Darcy, e che non invidi a morte quella acida di Elizabeth Bennet. (Vi prego, non pensate al recente film con Kira Knightley, lì il Darcy lo hanno sostituito con una classica mozzarella inglese, se proprio avete bisogno di un’immagine-icona del Darcy, vi preghiamo di consultare il documentario BBC in sei capitoli intitolato “Pride and Prejudice”, con Colin Firth nella parte dell’oggetto di studio…)
Di seguito, ecco le sue caratteristiche specifiche:
Darcy è bello.
Darcy è sicuro di se.
Darcy ha carattere.
Darcy è intelligente e spiritoso.
Darcy è ricco, anzi straricco.
Darcy è elegante.
Darcy è spocchioso ma ha ragione di esserlo (vedi sopra…)
Darcy alla fine si rivela, anche generoso e sensibile…

Queste caratteristiche potrebbero bastare per riconoscere un Darcy, ma in realtà il carattere che lo distingue univocamente è il fatto, incredibilmente raro, che un uomo del genere abbia un debole per le ragazze acide, non bellissime, povere, con una famiglia imbarazzante e che lo trattano a pesci in faccia. Probabilmente per questo motivo la fitness del Darcy (inserito nell’elenco delle specie a rischio dal 1814) non è delle più alte, e l’evoluzione tende da tempo a ridurre il numero degli esemplari fino all’inevitabile estinzione; ma in fondo cosa può Darwin contro una zitella in piena rumba ormonale?

fonte: www.vitaminar.blogspot.com

Pride and Prejudice



Come il nulla può dare tanto...
Quando bastava uno sguardo, un semplice sfiorare la mano o un fazzoletto a terra...





Saturday, September 23, 2006

Ma quante distinzioni mò!!!



Allora...non so se vi è capitato di guardare la pubblicità della Lancia Ypsilon...si, si proprio quella dove Stefano Gabbana comincia a staccare pezzi dalla macchina rivoluzionando completamente il modello...
Ispira troppo!!!!!!!
So qual è la sua tendenza sessuale ma... che ve lo dico a fare!!!!


L'unica cosa che ci domandiamo è perchè solo lui e non anke il compagno...Dolce!
Meno male...sennò l'effetto sarebbe stato deludente...

Pupe e Secchioni




Anche se all'inizio eravamo un pò contrarie al fatto che la trasmissione affibiasse alle donne l'etichetta di pupe e agli uomini quella di secchioni (perchè non il contrario?) guardandolo un giorno ci siamo fatte un sacco di risate...
Io spero ke le pupe fingano giusto perchè devono interpretare un ruolo...mah!
vabbè...
cmq la mia preferita è quella ragazza che aspira ad essere la sosia di Paris Hilton...è troppo svampita!

Messaggiando con mio cugino


Walter: cara e dolcissima cuginetta hai riflettuto in seguito al mio modo di vedere le cose o per te è tutto come prima?
La vita può essere bellissima solo che molte persone invece di capire cosa realmente le può rendere felici asseconda le usanze comuni ignorando la cosa che di più caro hanno la propria felicità e si illudono nel pensare che va bene così. non bisogna pensare "di camuffare" la realtà ma trovare i lati positivi in essa! Io lo chiamo progresso dell'evoluzione dell'umanità ed è il mio ottimismo a far sì che ci creda al contrario delle grandi masse che si fanno trascinare e manipolare senza obiettare. Ricorda il mondo attualmente è governato da persone malvage

Claudia: Se ci si asseconda alle usanze comuni è perchè non sempre vi è la possibilità di vivere la felicità nel modo in cui ognuno personalmente la concepisce e qst è dovuto a un'infinità di fattori cm per esempio la disponibilità economica, la famiglia o la mancanza di fiducia nelle proprie capacità che ovviamente bloccano ogni possibile voglia di fare a meno che non si sia sprovveduti a tutti gli effetti.

Walter: Papa compreso ke è d'accordo con il governo repubblicano americano, i finanziatori dell'Arabia Saudita e la new entry Berlusconi cercando di influenzare il mondo occidentale alimentando l'odio verso le popolazioni islamiche affinchè possano in un certo senso consentire le guerre (grandissimo business) e la Chiesa ne beneficia perchè le persone in uno stato di tensione, di paura di guerre appunto si rifugia, si conforta in essa! E qnd più bisogno di fede fra la gente. L'uno serve all'altro, il business aumenta per entrambi e il mondo è sotto controllo e milioni e milioni di persone muoiono fra le armi. è tutto vero! come si fa a nn far nulla. Io faro di tutto per ottimizzare ciò che penso anke se la mia famiglia nn dovesse sostenermi qst nn vuol dire che nn gli voglia bene ma ci vuole rispetto reciproco. nn devo sottostare a un modo di pensare se nn lo condivido e x qst è importante l'indipendenza personale ed economica, bisogna lavorare per ottenerla.

Thursday, September 21, 2006

Ein bisschen Literatur...


La poesia qui di seguito proposta è un grido di dolore che descrive la realtà dei campi di concentramneto, denuncia la condizione dei prigionieri, e sviscera la crudeltà insita nei negrieri che hanno svilito la personalità di Celan negli anni della sua gioventù.
Non voglio con questo aprire un dibattito sul nazismo o sull'olocausto, ma semplicemente offrirvi la bellezza di questa poesia... lo so che è in tedesco e magari non si capisce molto, ma provatela a leggere....è come musica...beh...una musica un po' angosciante ma tonante

Todesfuge

Schwarze Milch der Frühe wir trinken sie abends
wir trinken sie mittags und morgens wir trinken sie nachts
wir trinken und trinken
wir schaufeln ein Grab in den Lüften da liegt man nicht eng
Ein Mann wohnt im Haus der spielt mit den Schlangen der schreibt
der schreibt wenn es dunkelt nach Deutschland dein goldenes Haar Margarete
er schreibt es und tritt vor das Haus und es blitzen die Sterne er pfeift seine Rüden herbei
er pfeift seine Juden hervor läßt schaufeln ein Grab in der Erde
er befiehlt uns spielt auf nun zum Tanz

Schwarze Milch der Frühe wir trinken dich nachts
wir trinken dich morgens und mittags wir trinken dich abends
wir trinken und trinken
Ein Mann wohnt im Haus der spielt mit den Schlangen der schreibt
der schreibt wenn es dunkelt nach Deutschland dein goldenes Haar Margarete
Dein aschenes Haar Sulamith wir schaufeln ein Grab in den Lüften da liegt man nicht eng

Er ruft stecht tiefer ins Erdreich ihr einen ihr andern singet und spielt
er greift nach dem Eisen im Gurt er schwingts seine Augen sind blau
stecht tiefer die Spaten ihr einen ihr andern spielt weiter zum Tanz auf

Schwarze Milch der Frühe wir trinken dich nachts
wir trinken dich mittags und morgens wir trinken dich abends
wir trinken und trinken
ein Mann wohnt im Haus dein goldenes Haar Margarete
dein aschenes Haar Sulamith er spielt mit den Schlangen
Er ruft spielt süßer den Tod der Tod ist ein Meister aus Deutschland
er ruft streicht dunkler die Geigen dann steigt ihr als Rauch in die Luft
dann habt ihr ein Grab in den Wolken da liegt man nicht eng

Schwarze Milch der Frühe wir trinken dich nachts
wir trinken dich mittags der Tod ist ein Meister aus Deutschland
wir trinken dich abends und morgens wir trinken und trinken
der Tod ist ein Meister aus Deutschland sein Auge ist blau
er trifft dich mit bleierner Kugel er trifft dich genau
ein Mann wohnt im Haus dein goldenes Haar Margarete
er hetzt seine Rüden auf uns er schenkt uns ein Grab in der Luft
er spielt mit den Schlangen und träumet der Tod ist ein Meister aus Deutschland
dein goldenes Haar Margarete dein aschenes Haar Sulamith

Paul Celan

Bisogna aver fiducia nella Giustizia?



Ma secondo voi... è giusto il comportamento della famiglia italiana che ha "sequestrato " la bambina bielorussa o forse sarebbe stato meglio denunciare il fatto alle autorità competenti?
Insomma... dobbiamo aver fiducia nella Giustizia o meglio farsi giustizia da soli?
Questo è il dibattito che più o meno ha animato le nostre giovani menti ieri sera a un simpatico pub di via....non mi ricordo.... e quindi ripropongo la questione a voi...
Bisogna aver fiducia nella giustizia?!?
Certo è che a sentire le violenze ricevute dalla povera bambina forse è stato un bene....non si può a 8 anni, non si può mai, voler morire.

fonte: http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo327369.shtml

Tuesday, September 19, 2006

Che ve ne pare? Se un uomo ha cento pecore e ne smarrisce una, non lascerà forse le novantanove sui monti, per andare in cerca di quella perduta?


"Perchè poi il Signore dovrebbe perdonare la mia anima...mi rimane oscuro"

Carlo Farini (pensatore e intellettuale dei tempi nostri-?!?-)

Saturday, September 16, 2006

Ma Papa...ma taci ke questi ci fanno saltare!!


"Papa non voleva offendere Islam"
Vaticano: spiaciuto per fraintendimento

"Benedetto XVI è vivamente dispiaciuto che alcuni passi del suo discorso abbiano potuto suonare come offensivi della sensibilità dei credenti musulmani e che siano stati interpretati in modo del tutto non corrispondente alle sue intenzioni". Lo ha dichiarato il neosegretario di Stato del Vaticano, cardinale Tarcisio Bertone a proposito della bufera scatenatasi nel mondo islamico dopo il discorso del Papa a Ratisbona.
Ciò che intendeva, ha proseguito Bertone, era affrontare "il tema del rapporto tra religione e violenza in genere e concludere con un chiaro e radicale rifiuto della motivazione religiosa della violenza, da qualunque parte essa provenga". Il cardinale ha aggiunto che "nel ribadire il suo rispetto e la sua stima per coloro che professano l'Islam", Papa Ratzinger "si augura che siano aiutati a comprendere nel loro giusto senso le sue parole, affinchè, superato presto questo momento non facile, si rafforzi la testimonianza all'unico Dio, vivente e sussistente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini e la collaborazione per difendere e promuovere insieme, per tutti gli uomini, la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà".

preso da:http://www.tgcom.mediaset.it/

Friday, September 15, 2006

Scopre alle nozze che il marito è gay (T'ammazzo parte II)



Como, sorpreso in bagno con un amico

Da tre anni vivevano insieme vicino a Cantù, nel Comasco. Un fidanzamento come tanti, culminato nelle nozze. Lei 28 anni, origini siciliane ma nata a Varese; lui 31, di Lecco. Celebrata la funzione la coppia con amici e parenti si è recata in Valtellina per festeggiare. Ma prima del taglio della torta la giovane ha sorpreso il neo-marito nella toilette del locale mentre si scambiava effusioni d'amore con il suo migliore amico.
Forse la ragazza non avrebbe scoperto nulla se non avesse avuto l'idea di rifarsi il trucco prima del fatidico taglio della torta. E' stato proprio nei servizi del locale che la malcapitata ha avuto la sorpresa più spiacevole della sua vita. Questi i fatti, che paiono tratti da una grottesca commedia di Hollywood. In un primo momento, la giovane sente dei lamenti provenire dal bagno degli uomini. La voce, però, è stranamente familiare: le pare di riconoscere la voce del ragazzo che le ha appena infilato l'anello al dito. Con un un groppo in gola, lei si fa coraggio e va a vedere. E' proprio lui, il ragazzo che le ha giurato fedeltà eterna, avvinghiato al suo (di lui) migliore amico. Nel raffinato ristorante valtellinese scoppia il putiferio. Dopo un menù principesco, grandi vini e un servizio apprezzabile, il più indesiderato dei "dessert" è servito. La sposa scappa in lacrime, lui e l'altro vengono fatti uscire dal retro attraverso le cucine per evitare di essere linciati dai parenti di lei giunti appositamente dalla Sicilia per il grande evento. Non è dato sapere come la fuga della coppia omosex sia proseguita. Forse su un autobus, come nell'indimenticabile scena del "Laureato" con Dustin Hoffman...

Teste mozzate



Ieri avrei proprio voluto fare così...

ma perchè?!!? è vero ke tutto scorre cm disse un grande pensatore o cm dicono anke i Negramaro...

in bilico...è proprio stupido!!dovevo prendere solo delle chiavi che ho anke perso tra l'altro...mi sarei risparmiata la scena volentieri...

ma kissà se un giorno capirà...o forse devo capire io...boh!

è pox sentire ke esista un legame anke se i fatti parlano chiaro... mi sento cm Anna Baldi e il suo Ivan... ma attenderò... se lei ha ragione allora ank'io ho ragione e potrò finalmente andare a dormire tranquilla....anke se sl cn la testa appoggiata sul comodino....

Mah...